Ci sono rischi di coaguli del sangue e trombosi per le persone vaccinate che intendano viaggiare in aereo? E’ un interrogativo al centro delle discussioni delle compagnie aeree poiché una persona vaccinata, che viaggia per lunghe distanze e ad alta quota, potrebbe accusare questi malori, che talvolta potrebbero essere anche fatali. Malori già registrati come reazioni avverse in molte persone che hanno ricevuto il siero di Astrazeneca, ma non solo. Il Center for Disease Control and Prevention (CDC) avverte che coaguli e trombosi possono rappresentare “un grave rischio per alcuni viaggiatori a lunga distanza”, non solo in aereo, ma anche in treno, in auto e bus.

Il dottor J. Patrick Whelan, un reumatologo pediatrico, a dicembre 2020 aveva avvertito la Food and Drug Administration (FDA) che i vaccini a mRNA avrebbero potuto causare lesioni microvascolari a cervello, cuore, fegato e reni in modi non valutati negli studi di sicurezza nei sieri autorizzati in emergenza. Whelan ha cercato di allertare la FDA che i vaccini progettati per creare immunità a SARS-CoV-2 può causare invece lesioni.

Continua a leggere su: Secondopianonews.it