Fonte: Silver Nervuti Youtube

Emorragia cerebrale, fu questo il primo risultato dell’autopsia su Camilla Canepa, la studentessa di 18 anni morta per una trombosi dopo avere ricevuto il vaccino AstraZeneca durante un open day il 25 maggio a Genova. Soffriva di piastrinopenia, una malattia del sangue che potrebbe aver scatenato la reazione dopo la somministrazione. Ma la patologia potrebbe non essere stata segnalata nella scheda di anamnesi, che bisogna consegnare prima di ricevere la dose. E non sarebbe stata menzionata neanche la cura con estroprogestinici seguita dalla ragazza, cura proseguita dopo l’assunzione di Vaxzevria. Gli inquirenti hanno dunque indagato su tre aspetti: una tac fatta senza mezzo di contrasto, dimissioni il giorno dopo senza ulteriori accertamenti e il mancato trasferimento all’ospedale San Martino di Genova.

Silver Nervuti osserva che gli italiani hanno una memoria selettiva che rimuove i ricordi scomodi in pochi giorni, quindi è l’occasione per aiutare direttamente a riportarli alla luce.